1. Home
  2. Documenti
  3. Statistica – o una guida per giocatori d’azzardo
  4. Materiale didattico
  5. Rappresentazioni grafiche

Rappresentazioni grafiche

Oltre ai meri calcoli matematici, esistono anche diverse rappresentazioni grafiche dei calcoli statistici e consentono diverse analisi in base agli obiettivi prefissati.

Di seguito presentiamo un esempio del diagramma ramo-foglia che può essere utilizzato sia per analizzare i dati che per presentarli. Consentono, infatti, di mostrare i valori numerici e le relazioni fra loro.

Evidenziano, inoltre, la frequenza con cui determinati valori si presentano, così come le tabelle di distribuzione di frequenza o gli istogrammi.

Per creare un diagramma ramo-foglia, basta creare i rami elencando i valori più alti su una linea verticale. I restanti valori andranno a formare le foglie a destra della linea verticale. Sappiamo che questa descrizione potrebbe apparire un po’ astratta, quindi abbiamo scelto di fornire un esempio:

I tuoi allievi hanno ottenuto i seguenti risultati nell’ultimo test che hai somministrato:

91, 95, 53, 68, 79, 84, 87, 72, 71, 69, 65, 89, 84, 83, 72

Trasferito in un sistema a 6 punti:

da 44 a 57 punti – 4,00-4,5

da 58 a 71 punti – 4,5-5

da 72 a 85 punti – 5 – 5,5

da 86 a 99 punti – 5,5 – 5,99

E 100 punti – 6 pieno, puoi riportare i dati come nel seguente grafico:

 

Le percentuali di conversione sono piuttosto imprecise e tu vorresti che i tuoi alunni migliorassero il loro rendimento l’anno prossimo, per cui decidi di adottare un approccio differente. Tutte le cifre elencate sono composte da decine e unità. Le prime andranno a formare il nostro ramo. Le disporremo in ordine crescente (in alternativa, è possibile anche seguire un ordine decrescente, perché non costituisce un fattore determinante).

ramo foglia
5
6
7
8
9

Nella colonna di destra, invece, metteremo in ordine le unità, allineandole alle decine corrispondenti.

ramo foglia
5 3
6 8 9 5
7 9 2 1 2
8 4 7 9 4 3
9 1 5

Adesso riorganizzeremo le unità in ordine crescente.

ramo foglia
5 3
6 5 8 9
7 1 2 2 9
8 3 4 4 7 9
9 1 5

Procedendo in questo modo, otterremo una tabella chiara che ci aiuterà ad analizzare la distribuzione dei dati, valutare con quale frequenza ricorrono determinati risultati e individuare quelli migliori e peggiori. In generale i risultati dei test sono piuttosto buoni considerata la media della tua scuola. Ma è importante adottare un approccio adeguato per permettere alla persona con il punteggio più basso di migliorare i propri risultati – Se necessario, calcola la media e la mediana dei voti.

Hai trovato utile questo articolo? 5 No